Il distretto Riso e Rane

Il territorio

Il distretto “Riso e Rane”

Il Distretto rurale “Riso e Rane” occupa un’area della Provincia di Milano che comprende 23 comuni dove la coltivazione del riso riveste una importanza di assoluta rilevanza economica ed incide profondamente sugli aspetti paesaggistici, ambientali, storici e colturali del suo territorio rendendolo unico nel suo genere e fra i più rappresentativi della pianura lombarda.

Il riso a DNA controllato

Il Distretto rurale “Riso e rane”, tramite il Marchio “DNA Controllato”, cioè mediante l’analisi del DNA, garantisce che la varietà di riso utilizzata nella Rassegna Gastronomica Gustariso sia esclusivamente Carnaroli, varietà unica per qualità e prestazioni in cucina, riconosciuta e apprezzata in tutto il mondo.
Le analisi per la certificazione “DNA Controllato” vengono effettuate dalla Piattaforma Genomica del Parco Tecnologico Padano di Lodi.

Il riso Carnaroli proviene da una partita di riso, che a partire dalla semente, prodotta all’interno del Distretto rurale “Riso e rane” e certificata secondo le normative vigenti, è nata e cresciuta nel suo territorio a garanzia della sua tracciabilità e della sua identità territoriale, ciò in base ad una progettualità sviluppata dal Distretto e approvata e finanziata dalla Regione Lombardia e dalla Comunità Europea.

Il territorio

Totalmente incluso nel Parco Agricolo Sud Milano ed in parte nel Parco Lombardo Valle del Ticino, il Distretto rurale “Riso e rane” produce in un comprensorio territoriale ad elevata biodiversità, a due passi da Milano in un ambiente ancora incontaminato, utilizzando acque di pregio derivate dal Naviglio Grande o addirittura proveniente dalle risorgive (fontanili).
Le varietà di riso coltivate sono tra le migliori al mondo, come il Carnaroli e l’Arborio, ideali  per preparazioni gastronomiche raffinate e profondamente legate al territorio di origine, come il celebre risotto allo zafferano, detto “alla Milanese”.

Il Distretto rurale “Riso e rane”, riconosciuto ed accreditato ufficialmente da Regione Lombardia con D.G.R. n. 1810 del 31 maggio 2011, nasce dalla volontà di Aziende risicole presenti nel suo territorio di unirsi in un Consorzio per promuovere il proprio prodotto garantendone la qualità, la provenienza e la tracciabilità. Ad oggi vede la partecipazione di 63 aziende risicole per una superficie complessiva coltivata di circa 5.000 ettari e una superficie coltivata a riso di circa 4.000 ettari.

 

Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su OK o proseguendo nella navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi